PER TUTTI I GUSTI E TUTTE LE TASCHE

recensione di Walter PESCECANE Cassese

Premetto che non sono di pagato da Garmin è solo che mi trovo molto bene con i loro prodotti e quindi spesso (se posso) data la mia passione per l’IT cambio dispositivi, sia per le nuove funzionalità che offrono sia perché sono un bambino cresciuto e mi piacciono questi giocattoli 😊!

Fatta la premessa doverosa…ecco la mia personale recensione sui ciclocomputer che ho avuto.

Garmin Edge 130

è stato il mio primo ciclocomputer che ho montato sulla bici, non avevo molto pretese e dato il prezzo contenuto (all’epoca lo pagai 180 € ora si trova a meno di 140 €) e alcune recensioni lette devo dire che per chi vuole tenere sotto controllo le informazioni principali (cadenza, km, BPM, etc) è un ottimo strumento.  E’ molto compatto (Il display è da 1,8 pollici), leggero e facile da usare e anche se non è touch, tutti i controlli e la gestione sono fatti con i pulsanti fisici situati sui bordi, resta comunque comodo da usare anche in movimento. Oltre alle classiche funzioni, una cosa utile che ho trovato durante le uscite è la funzione “Extended Display” o schermo esteso. Ciò significa che possiamo usare un Garmin Fenix 5 o un Forerunner 735 per registrare l’attività (o gli allenamenti impostati) e i dati appariranno anche sullo schermo dell’Edge 130. Anche se piccolo posso comunque creare a piacimento, e poi caricare sullo strumento, nuovi itinerari a seconda di dove e come si vuole pedalare, inoltre è compatibile con il Varia e quindi rendere sicura l’uscita. La batteria è infinita (garmin dà 15 ore) ma ricordo che dimenticavo di caricarlo anche dopo varie uscite. 

Garmin Edge 1000

Dopo circa un anno di utilizzo dell’Edge 130 ho avuto l’occasione di prendere il 1000. Beh tutta un’altra storia!! Oltre ad avere una dimensione IMPORTANTE (3″ diagonale, con risoluzione di 240×400 pixel) ed essere touchscreen è costruito pensando al monitoraggio delle prestazioni e all’interazione fra ciclista e la strada. Cosa interessante è la sezione “Profili” con le tipologie (Corsa, Allenamento, Indoor) che ho trovato molto utili soprattutto nella diversa impostazione dei campi dati. Per esempio se mi alleno mi è comodo avere nei campi le varie fasi dell’allalenamento, i watt medi sui 3 sec etc, mentre nelle uscite ho il dislivello, la pendenza, etc.

Altra cosa utile a mio avviso è la presenza del wifi che ti permette di sincronizzare tutto senza cavo e senza dover utilizzare il Garmin Connect per registrare l’attività su Strava e altre piattaforme. Il 1000 ha una slot per schede SD dove possiamo caricare le mappe e seguire itinerari già presenti o crearne noi e poi utlizzare la funzione Navigazione. Unica pecca secondo me è la durata della batteria (motivo per il quale mi ha spinto a passare al modello successivo) che è stimata in 9 ore ma se si utilizzano vari sensori e misuratore di potenza il tempo un po' si riduce (vabbè direte e che non ti bastano 9 ore?? A volte no! Ma non ditelo al mio coach). Il Garmin Edge 1000 è un apparecchio super accessoriato che farà la gioia di chi va tanto in bici ma dovete spendere almeno  € 400 (senza accessori) per averlo…ne vale la pena?? Se non siete amanti delle frocerie in bici e vi bastano poche e utili informazioni NO ma se cercate uno strumento che vi dia dinamiche, segmenti, prestazioni, etc è un bel giocattolo.

Garmin Edge 1030 plus

OK ho esagerato ma non ho resistito!! Ultimamente (anche causa dell’assenza di gare) mi capita di fare dei giri lunghi con parecchio dislivello e mi è successo in un paio di uscite di dover stoppare la sessione, salvare ed utilizzare l’orologio per il resto dell’uscita a causa della batteria scarica.

Allora avevo due opzioni, portami un power bank dietro o passare al 1030 plus….secondo voi quale ho scelto? 😊 Premetto che sono solo al terzo utilizzo (due lunghi ed un allenamento) ma ho avuto la sensazione di aver fatto un grande acquisto…secondo me non ha rivali!

Processore notevolmente migliorato, ampio schermo da 3,5” pollici, touch-screen rapido e reattivo anche in caso di mani sudate, oltre che perfettamente leggibile anche sotto la luce diretta del sole. In caso di deviazione, ricalcola velocemente la rotta, permettendo anche di ripercorrere la strada a ritroso per tornare sul tracciato originario o al punto di partenza. Analizza in modo dettagliato ogni uscita, fornendo dati su VO2 Max post pedalata, stima del tempo di recupero e tanto altro ancora, inoltre al successivo utilizzo appeno lo accendete vi consiglia piani di allenamento e utili suggerimenti per quel giorno (riposo, pedalata facile, ripetute brevi, etc) l’analisi della temperatura e dell’altitudine, suggerendo anche quando fermarsi per mangiare o reidratarsi. La funzione che ho trovato veramente utile e ben fatta è la ClimbPro che mostra a schermo la distanza dalla cima, l’ascesa rimanente e la pendenza di ogni salita presente sul percorso e se memorizzato un percorso da seguire vi indicherà anche il numero delle salite presenti su tutto il giro creato. Ovviamente ha altre 20499302850202 funzioni che ancora non ho provato tra cui (LiveTrack, Incident Detection, Stima VO2 max, Popularity Routing Trendline etc etc) ma una cosa è certa…dopo oltre 8 ore con Varia, sensore di potenza, cardio e mappa avevo ancora il 69% di batteria! Garmin stima fino a 12 ore ed inoltre ha la possibilità di collegare una batteria aggiuntiva che va agganciata sotto per aver oltre 24 di autonomia….non mi servirà mai….vabbè non lo so…forse!!

Unica pecca?? Preparatevi a sborsare quasi 600€ 😊

Stefano La Cara - E-mail: stefanolacarastrong@gmail.com Tel: 331-3638330

www.stefanolacara.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now